Agevolazioni fiscali, un modo per risparmiare, anche per i disabili

agevolazioni-disabili



 

 

Predisporre tutta la documentazione per fare ogni anno la dichiarazione dei redditi non è sicuramente il passatempo preferito degli italiani. Chi ha poche spese e non è obbligato a farla perché non raggiunge la soglia del reddito minimo o ha solamente entrate da lavoro dipendente / pensione, evita tutta la trafila, che sia commercialista o CAF, sapendo che forse le poche spese da scaricare non fruttano alcun beneficio economico.

E’ un discorso che può comunque essere fatto solo per determinate categorie; in altri casi invece, il risparmio ottenuto grazie alle detrazioni fiscali permette di recuperare gran parte delle spese effettuate nell’arco dell’anno solare. Prendiamo un esempio concreto, persone non autosufficienti o diversamente abili.

La disabilità fisica comporta la perdita dell’indipendenza e la conseguente mancata libertà di movimento; in questi casi è necessario dotare la propria casa di ausili che permettano di riacquistare la maggiore autonomia possibile.

Gli impianti montascale per disabili rappresentano la soluzione più adatta per superare ogni tipologia di barriere architettoniche, disponibili in un’infinita gamma di modelli, differenti per dimensioni, design, funzionalità e prezzi.

Nella scelta bisogna quindi inizialmente comprendere quali impianti rispondono alle proprie necessità. Un valido aiuto, in questo caso, è il confronto dei modelli presenti nei cataloghi delle più importanti aziende del settore, tra le quali i montascale per disabili Ceteco dove è possibile trovare tutte le tipologie in commercio verificandone le caratteristiche.

Una volta individuato l’impianto più adatto alle proprie esigenze è venuto il momento di procedere all’acquisto. Un aspetto da non sottovalutare è che è possibile usufruire di un’agevolazione fiscale, in sede di dichiarazione dei redditi, del 50% sulla spesa sostenuta.

Qui sotto troverai una semplice guida da leggere per non perderti questa agevolazione e preparare tutta la documentazione necessaria in quanto la dichiarazione dei redditi si presenta sempre l’anno successivo all’anno in cui si è effettuata la spesa.

 
Chi può scaricare la spesa dell’acquisto del montascale per disabili?

Chi effettua la spesa per l’acquisto del montascale ha diritto di poter usufruire della relativa detrazione della spesa sostenuta.
La detrazione si applica al contribuente che è in possesso o detiene l’immobile su cui è stato montato il montascale. In dettaglio può essere:

  • Il contribuente che deve dichiarare il reddito dell’immobile (proprietario o usufruttuario)
  • Il nudo proprietario (che non deve dichiarare il reddito dell’immobile)
  • Il contribuente che possiede l’immobile in locazione o in comodato d’uso gratuito. In questa circostanza, per entrambi i casi, è necessario essere in possesso del contratto registrato presso l’Agenzia del Territorio competente.

Se non rientri tra queste tipologia di contribuenti, c’è un’altra circostanza utile per usufruire della detrazione: nel caso in cui tu possa dichiarare di essere un familiare convivente con il possessore o il detentore dell’immobile, su cui viene montato sempre il montascale.
Ma puoi detrarre la spesa a patto che:

  • Sostieni tutte le spese
  • Le fatture e i relativi bonifici siano intestati a te medesimo

 
Documentazione necessaria

Per non perdere l’agevolazione durante i lavori di montaggio e l’acquisto del montascale devi adottare questi accorgimenti sulla documentazione, che dovrai presentare l’anno successivo in sede di dichiarazione dei redditi:

  1. Conservare tutte le fatture e le ricevute fiscali attestanti l’acquisto del montascale. Entrambe le tipologie devono essere intestate al disabile e/o al familiare che ha sostenuto la spesa per il disabile fiscalmente a carico
  • Effettuare il pagamento delle fatture solo tramite bonifici bancari o postali in cui deve essere indicato in maniera chiara:

    – Dati fiscali sia del contribuente e sia della ditta o soggetto che riceve la somma
    – La causale del versamento

  • Esibire la certificazione medica attestante la disabilità oppure un autocertificazione nella quale il contribuente attesta il possesso della disabilità. La normativa vigente ha stabilito che, una persona per essere considerata disabile, deve essere in suo possesso del riconoscimento da parte della commissione medica ai sensi dell’art. 4 della L. n .104 del 1992 oppure anche da altre commissioni mediche incaricate di riconoscere le invalidità civili, come per esempio, derivanti dal lavoro svolto e altri casi.

Questa è la documentazione necessaria da conservare per l’anno fiscale in corso, ma nel corso del tempo la normativa fiscale può subire cambiamenti.
Se vuoi approfondire maggiormente l’argomento puoi consultare la guida realizzata dall’Agenzia delle Entrate.
Il consiglio è quello di rivolgersi ad un consulente fiscale prima di procedere all’acquisto, per eventuali chiarimenti.
Inoltre scegli una ditta seria e affidabile che ti possa rilasciare, tempestivamente e senza problemi, tutti i documenti necessari, in modo da non perdere l’agevolazione.

 
 



Scrivi il tuo commento
Potrebbero interessarti anche...