Lavorare all’estero come volontario

volontariato

 

Lavorare all’estero come volontario è un’esperienza formativa in grado di ampliare gli orizzonti e di arricchire culturalmente. Se si decide di trascorrere un periodo più o meno lungo fuori dal proprio paese, in Europa oppure in America o in Australia, o in qualsiasi altra parte del mondo, tante sono le opportunità lavorative alla portata di tutti, da scegliere in base alle attitudini e ai desideri di ciascuno. Lavorare come volontari all’estero permette di crescere dal punto di vista umano e di allargare il bagaglio culturale: significa mettersi alla prova e consolidare la conoscenza di una lingua straniera attraverso lo studio e la comunicazione con la realtà del nuovo territorio in cui si vive.

Prendersi una pausa dal lavoro, un periodo di aspettativa, e concedersi il cosiddetto “gap year” funziona soprattutto per chi è alla ricerca di un’esperienza totalizzante e formativa; immergersi in una cultura sconosciuta o poco conosciuta fornendo lavoro di volontariato in cambio di vitto e alloggio in un paese straniero serve per conoscere da vicino tradizioni e costumi. Imparare una lingua nuova è poi un punto fondamentale per chi vuole inserirsi in maniera efficace in una società globalizzata e costantemente protesa verso l’innovazione. Lavorare mentre si è ospiti di una famiglia e nel frattempo studiare una lingua vuol dire diventare più competitivi su tutto il mercato del lavoro, e non soltanto in Italia.

 

Servizi per il volontariato: siti per candidarsi

 

Workaway

Sul sito “www.workaway.info” viene spiegato il meccanismo del lavorare all’estero come volontario. Basta scegliere la destinazione preferita e selezionare tra le varie proposte seguendo precisi criteri di ricerca: gli host, coloro che accolgono, si presentano e spiegano quale tipo di lavoro possono offrire, e chi è interessato può candidarsi. Tante le possibilità presenti in rete: si cercano continuamente giardinieri, manodopera nelle fattorie, baby sitter, semplici aiutanti nei lavori domestici. Ogni giorno, dopo qualche ora di lavoro, il volontario avrà poi a disposizione del tempo libero per approfondire la conoscenza dei luoghi e delle bellezze del posto in cui è ospite.

 

Helpx

www.helpx.net” funziona in modo analogo e propone un’ampia scelta di lavori da fare all’estero; impieghi che possono impegnare anche soltanto poche ore nel corso della giornata in cambio di ospitalità e cibo: cucinare, occuparsi di incombenze domestiche varie, ma anche per esempio lavorare nell’ambito dell’agricoltura. Gli “helpers” volontari, cioè coloro che sono in cerca di un impiego, si candidano compilando un profilo che indichi esperienze e attività di vita, in questo modo potranno essere scelti dalle famiglie che vorranno accoglierli. E’ sufficiente registrarsi al sito.

 

Wwoof

www.wwoof.it” è invece un’associazione senza scopo di lucro che ha lo scopo di ampliare la coltivazione biologica nel mondo, e che è alla ricerca costante di volontari disposti a fornire prestazioni gratuite in fattorie in cambio di vitto e alloggio; il tutto con la consapevolezza di contribuire alla creazione di una società globale sostenibile.

Basta dunque sapere scegliere: tante sono le opportunità di lavoro all’estero, in Europa e in tutto il mondo!

SE TI PIACE VIAGGIARE, LEGGI ANCHE: Come viaggiare gratis in tutto il mondo

 
 




 

Scrivi il tuo commento