Vivere col reddito minimo di cittadinanza

reddito cittadinanza italia europa

 




 

Secondo EuroStat, esclusa la Grecia, il nostro è il paese con più persone povere in tutta Europa. E’ considerata povera la famiglia con un figlio minore che guadagna meno di 1100 euro netti al mese. Le famiglie in queste condizioni sono 1.600.000.

E’ ormai chiaro che si va verso il reddito di cittadinanza anche in Italia. Per capire chi ne ha diritto e a quanto ammonta bisognerà attendere una risposta dal nuovo Governo. L’ipotesi più probabile sarà quella di assegnare il reddito di cittadinanza a coloro che hanno un figlio a carico e sono residenti in Italia da almeno due anni. La cifra? Intorno alle 500 euro al mese.

In attesa delle ultime notizie in Italia, vediamo cosa succede attualmente negli altri paesi europei. Riportiamo per iscritto quanto descritto nel video sottostante che spiega in modo chiaro come funziona il reddito di cittadinanza e a chi aspetta.

 

Reddito di cittadinanza in Europa

In Italia e Grecia ancora non esiste. Parliamo del reddito di cittadinanza. La crisi ha ridotto sul lastrico milioni di Europei, ma in 26 stati su 28 esistono solidi aiuti che danno cibo, acqua, una casa, una vita senza chiedere l’elemosina. Vuoi sapere come funziona, quali requisiti, e a quanto ammonta l’assegno in tutti i paesi europei? Eccovi i dati.

 

 
 

Austria

austria reddito cittadinanza
 
Vivete in Austria e non potete lavorare? Richiedete il Mindeststandards, ne hanno diritto tutti i residenti che non hanno una casa di proprietà a prescindere dall’età e con in mano un certificato che si dichiara che non si può lavorare. Circa 800 euro al mese se vivi da solo o 1220 euro se in famiglia. Con questi soldi si possono comprare cibo, vestiti, curare l’igiene personale e pagare le bollette fino a quando ne avrei bisogno.

 

Belgio

belgio reddito cittadinanza
 
Anche in Belgio non si è abbandonati al proprio destino. Dal 2002 esiste il Revenue d’intégration sociale, destinato a chi è residente da 4 anni e ha problemi di salute. Vengono aiutati anche chi ha avuto problemi con la giustizia e non riesce ancora ad integrarsi. Per ciascuno circa 800 euro al mese, con moglie e figlio di arriva a 1089 euro, ma in questo caso si può contare sugli assegni sociali se si ha un figlio piccolo. La durata è illimitata ma si fa il punto ogni anno.

 

Bulgaria

bulgaria reddito cittadinanza
 
In Bulgaria è impossibile fregare lo Stato. Sono molti infatti i filtri antifrode, solo chi è davvero povero può richiedere il sussidio. Per ottenerlo, oltre al reddito zero, bisogna vivere in una casa non più grande di una stanza, non aver posseduto immobili negli ultimi 5 anni, essere iscritto nella lista di collocamento da almeno nove mesi. Il reddito minimo è di 57 euro, il doppio per una famiglia; a questo contributo, si aggiunge casa e riscaldamento che sono gratuiti. La durata è illimitata ma chi fa il furbetto paga con gli interessi.

 

Croazia

croazia reddito cittadinanza
 
Anche in Croazia per ottenere il reddito di cittadinanza ci sono dei criteri di acceso. I proprietari di autovetture e di appartamenti più grandi di 35 mq sono esclusi così come i non residenti. Un single percepisce 145 euro più la metà del canone di affitto. Una famiglia può contare su 237 euro. Il diritto si esaurisce quando arriva la prima offerta di lavoro, anche se stagionale.

 
Cipro
cipro reddito cittadinanza
 
Reddito di cittadinanza anche per gli abitanti di Cipro che non possono condurre una vita dignitosa: per ottenerlo è necessario essere residenti e dichiarare un reddito annuo molto basso, inferiore agli 8500 euro. A questo viene anche conteggiato la proprietà di un immobile.
Alle persone sole viene corrisposto un assegno di 452 euro. Alle famiglie 813 euro, ma la durata è limitata a un anno per tutti eccetto per gli ultra settantenni.

 

Estonia

estonia reddito cittadinanza
 
In Estonia, la legge impone al Parlamento di adeguare tutti gli anni il reddito di cittadinanza al costo della vita. E’ rivolto a tutti i cittadini incapienti e inattivi. Il sussidio è di 90 euro al mese per i single, 177 per le famiglie, senza scadenza.

 

Danimarca

danimarca reddito di cittadinanza
 
La Danimarca è il paese più generoso d’Europa. A tutti i residenti disoccupati o in malattia con entrate inferiori a 1300 euro al mese viene erogato un assegno. Il sistema favorisce i giovani: gli under 30 hanno diritto a 924 euro al mese se vivono soli. 446 se invece stanno ancora con i genitori. Per le famiglie povere, la soglia di cittadinanza è 1904 euro. Unico neo, tutti i sussidi sono tassati come reddito da lavoro. Durata illimitata.

 

Francia

francia reddito di cittadinanza
 
Il revenu de solidarité active francese viene erogato ai cittadini poveri che hanno più di 25 anni. I richiedenti devono siglare una sorta di patto d’onore con lo Stato e dimostrare la correttezza delle informazioni dichiarate. L’assegno è di quasi 500 euro per i single. Più del doppio per le famiglie. Può essere concesso solo per una durata limitata di 3 mesi.

 

Finlandia

finlandia reddito di cittadinanza
 
In Finlandia, i residenti con reddito inferiore al costo della vita percepiscono quasi 500 euro al mese, per le famiglie bonus più che raddoppiato. La durata è illimitata.

 

Lettonia

lettonia reddito minimo di cittadinanza
 
I requisiti in Lettonia sono rigorosi. Non si deve essere proprietari di casa da più di un anno. Si deve dichiarare meno di 130 euro al mese e vanno conteggiati tutti i regali ricevuti da parenti e amici. L’assegno varia da città a città ma non può superare la somma di 128 euro per i single e i 384 euro per le famiglie. Il sussidio viene dato per un massimo di 6 mesi rinnovabile solo per casi eccezionali.

 

Irlanda

irlanda reddito cittadinanza
 
L’Irlanda aiuta i cittadini poveri con un assegno cospicuo. Per poter vivere con dignità il Governo ha fissato un reddito minimo. Garantiti 806 euro alle persone sole; quasi 1500 euro alle famiglie. La legge non prevede una scadenza temporale ma controlli periodici su chi è considerato idoneo.

 

Lussemburgo

lussemburgo reddito cittadinanza
 
Il Granducato del Lussemburgo assicura per legge a tutti i suoi cittadini un decente standard di vita. Per poter ottenere il reddito minimo garantito, bisogna essere residenti da almeno 5 anni e non si devono avere macchie nel curriculum, come ad esempio un licenziamento.
L’aiuto è da nababbi, quasi 2200 euro per una famiglia ma bisogna partecipare ogni giorno ad un progetto di integrazione sociale o educativo.



 

Lituania

lituania reddito cittadinanza
 
In Lituania il reddito di cittadinanza è di fatto un reddito di vita. Ai poveri vengono rimborsate tutte le spese relative al riscaldamento, acqua calda e da bere. Per usufruirne bisogna avere il conto corrente bancario quasi al verde. Le somme non sono esorbitanti (103 euro per single e 253 per una famiglia) ma bastano a sopravvivere per il costo della vita. Il diritto si esaurisce dopo 3 mesi ma può essere rinnovato.

 

Olanda

olanda reddito di cittadinanza
 
Per ottenere il reddito di cittadinanza in Olanda, sono previsti due tetti: 5580 euro per i single, 11700 per le famiglie con un figlio. Sotto questa soglia sono previsti aiuti di Stato che possono sfiorare i 1400 euro per una famiglia. Non ci sono limiti temporali.

 

Germania

germania reddito cittadinanza
 
Tanti paletti per il reddito di cittadinanza tedesco. Sono esclusi dal sussidio gli stranieri residenti che non hanno mail lavorato e i liberi professionisti. Il sussidio è un pò meno generoso rispetto ai paesi del Nord Europa. 391 euro per le persone sole, 1005 euro per le famiglie, ma copre tutto il periodo di difficoltà del richiedente.

 

Portogallo

portogallo reddito di cittadinanza
 
Il Portogallo aiuta i cittadini indigenti che hanno un reddito inferiore ai 5000 euro se single o 1500 se in coppia. Le somme erogate sono modeste ma utili per acquistare i beni di prima necessità (178 euro single, 231 famiglie). Qui il reddito di cittadinanza non è per sempre, ma limitato per un periodo temporale massimo di un anno, rinnovabile solo in casi eccezionali.

 

Polonia

polonia reddito cittadinanza
 
In Polonia, se non cooperi con i servizi sociali resti indietro. Sono previsti infatti programmi di reinserimento sociale obbligatori per tutti i cittadini in difficoltà. L’aiuto è strettamente individuale (circa 100 euro single / 200 a famiglia) e non tiene in considerazione la presenza di una famiglia. Si esaurisce quando si esce dalla crisi.

 

Repubblica Ceca

repubblica ceca reddito cittadinanza
 
In Repubblica Ceca, per ottenere il reddito di cittadinanza il titolare di diritto deve dimostrare di essere povero e inattivo. Per lui 204 euro al mese se single, se ha famiglia 360 euro. La durata è illimitata ma chi rifiuta una proposta di lavoro viene automaticamente escluso.

 

Malta

malta reddito cittadinanza
 
I maltesi con una ricchezza inferiore ai 14000 euro hanno diritto ad una integrazione che non supera i 500 euro. Tuttavia i beneficiari sono obbligati a cercare attivamente un lavoro. Gli invalidi devono periodicamente sottostare a visite mediche. La legge non prevede limiti temporali per chi usufruisce di questo diritto.

 

Slovacchia

slovacchia reddito cittadinanza
 
In Slovacchia tutti i proprietari di casa sono esclusi dal reddito di cittadinanza. La soglia di povertà del richiedente non deve superare le 200 euro al mese. L’assegno previsto è di 60 euro e si triplica se a richiederlo è una famiglia. Viene erogato fino a che il momento di difficoltà non finisce.

 

Romania

romania reddito cittadinanza
 
Ogni rumeno non può percepire meno di 113 euro al mese. E’ scritto nella legge. E’ questa la soglia sotto la quale scatta l’aiuto di Stato. Per ottenerlo però, oltre alla residenza, bisogna partecipare attivamente a progetti di integrazione sociale. Prevista un’integrazione per le famiglie. Il benefit è a tempo indeterminato.

 

Spagna

spagna reddito di cittadinanza
 
In Spagna, il reddito di cittadinanza è diventato legge nel 2008, in piena crisi economica. I criteri sono rigidi, possono accedere solo i disoccupati tra i 45 e i 65 anni con reddito inferiore ai 5000 euro. Il sussidio è di 532 euro al mese con durata illimitata.

 

Slovenia

slovenia reddito di cittadinanza
 
La Slovenia fa le cose sul serio e analizza tutta la situazione finanziaria di chi richiede il reddito di cittadinanza e viene concesso solo a chi attraversa un momento di difficoltà temporanea. 265 euro per i single, 610 per le famiglie ma viene bloccato dopo appena 3 mesi.

 

Svezia

svezia reddito di cittadinanza
 
Solo che è in affitto e ha un reddito insufficiente ad affrontare il costo della vita può ottenere il reddito di cittadinanza in Svezia. Per ottenerlo si deve accettare un percorso stabilito dallo Stato che prevede anche la vendita della propria casa di proprietà. Il sussidio di 423 euro al mese per i single. Raggiunge quasi i 1000 euro per le famiglie. Non sono previste scadenze temporanee.

 

Ungheria

ungheria reddito di cittadinanza
 
In Ungheria il sussidio non deve eccedere il 90% del salario minimo fissato a 148 euro al mese. I requisiti prendono in considerazione la residenza, le proprietà immobiliare, l’età e il reddito dichiarato. Il sussidio che è a tempo illimitato raddoppia per chi ha famiglia e in presenza di figli (266 euro). Chi lavora in nero viene duramente punito.

 

Gran Bretagna

uk reddito minimo sussidio
 
In Gran Bretagna grazie al cosiddetto Income Support, invalidi e disabili hanno un mezzo di sostentamento. Per essere idonei oltre ad essere cittadini di Sua Maestà devono avere un reddito complessivo che non può superare i 20.000 euro. In questo calcolo viene conteggiata anche la casa. Alle famiglie vengono garantiti 900 euro, meno della metà per le persone sole. La durata è illimitata.

 

 

 

Non è tutto oro ciò che luccica

Da un servizio andato in onda sul programma DiMartedì si evince che non sia così semplice in alcuni paesi europei ottenere il reddito di cittadinanza.
Viene fatto l’esempio in Olanda, uno dei paesi più generosi in tal senso. Niente auto e niente casa si proprietà, se vuoi accedere al sussidio le devi vendere. Viene fatto un controllo rigido sul conto corrente bancario. Se sei single non puoi possedere oltre 6000 euro di risparmi. Chi prende il reddito minimo deve mandare un certo numero di curriculum ogni settimana e svolgere lavori socialmente utili.
Anche qui i “furbetti” esistono, persone che si dichiarano single ma poi vivono in coppia con un’altra persona che ha la macchina e possiede un dignitoso stipendio. E le multe in caso di controlli sono ingenti.

 

Ultime notizie

In Finlandia il reddito minimo di cittadinanza è stato bocciato dopo un anno dalla sua approvazione.
Un esperimento che ha avuto esito negativo e ha riguardato circa 2000 disoccupati. Da notare che il ricevente riceveva il denaro senza dover impegnarsi a cercare un lavoro o un impiego socialmente utile. Il progetto si conclude ma il Governo ha precisato che verrà varato un nuovo sostegno contro la disoccupazione.

 

Potrebbero interessarti anche...
Scrivi il tuo commento