Scambio vestiti online

scambiare vestiti

 

Swappare: un nuovo termine coniato nell’era 2.0; coniuga modernità e passato poichè il suo significato deriva da un’azione di altri tempi: il semplice baratto.

 

Scambiarsi vestiti risparmiando e divertendosi. Sì, perchè lo swapping si crea con iniziative simpatiche, veri o propri party dove ciascuno porta i propri abiti usati che intende scambiare. Vestiti firmati valutati dal personale esperto che organizza lo Swap, approvati e pronti per essere oggetti di scambio. Borse, sciarpe, cappelli, vestiti  lunghi; si trova di tutto.

Un’occasione per incontrarsi, socializzare, scambiarsi idee su costumi e preferenze.
Un metodo nato negli Stati Uniti e diffuso a macchia d’olio arrivando anche in Italia.

 

Nel video potete approfondire l’argomento ascoltando interviste interessanti su questa moda del momento. La crisi si batte anche così, svuotando scarpiere e armadi di casa, sapendo di riempirli in poco tempo a costo zero.

Ascolta l’esperienza dello Swap Party organizzato a Roma

 

Swapping e internet si danno una mano a vicenda.
La rete serve per diffondere i parties in città.
A Roma ad esempio ci si ritrova con un passaparola tramite eventi indetti ogni mese su Facebook. E gli iscritti superano i 1500. Seguono Milano, Bologna e Torino.



Per chi dista lontano dai capoluoghi di provincia, può affidarsi ai siti web preposti a promuovere la più popolare forma di baratto.

 

Il sito, punto di riferimento in Italia, è swapclub, che conta oltre 2400 preferenze su Facebook e permette di registrarsi gratuitamente e condividere abiti usati da swappare con gli altri utenti.

 

Anche al di fuori dell’Italia impazza la voglia di “free fashion”. Lo dimostra swapstyle.com, seguitissimo su twitter con oltre 1700 followers. Numerosi i tweet che promuovono a pieni voti l’iniziativa del baratto e dell’idea tutta green, anti-spreco e sostenibile.

 

Scambiare senza spendere un euro e ritrovarsi l’armadio pieno di vestiti è una formula vincente non solo nel campo della moda.

Lo sa bene E-Barty che ha allargato l’offerta anche a cellulari ed elettronica. Nessun euro ma denaro virtuale che si accumula attraverso gli scambi.

 

E se le proposte di scambio non vanno a buon fine, si può sempre provare a mettere in vendita il proprio usato.
L’inserimento degli annunci è gratis; e allora perchè non provarci?

 

Scrivi il tuo commento