Il Groupage e il trasloco in “abbinamento”, le nuove formule per traslocare risparmiando

traslocare-con-poco



 

 

Una delle ultime tendenze nel settore dei traslochi consiste nel Groupage.
Di per sé, l’organizzazione di un trasloco è una cosa molto stressante e a tratti snervante. Bisogna pensare a come organizzare il tutto nel minor tempo possibile, agli imballaggi da utilizzare a come sistemare gli oggetti all’interno degli scatoloni, occuparsi degli allacci di acqua, gas e luce.

 

Un’altra cosa da non sottovalutare sono i costi: ci si chiede spesso è quanto può costare effettuare un trasloco, questo dipende ovviamente dall’arredamento di cui si dispone, da quanti scatoloni verranno trasportati, in generale da quanta roba si possiede. Oltre a questo, bisognerà considerare anche le eventuali spese derivanti dai permessi comunali nel caso in cui il mezzo dovesse sostare per strada.

 

La formula Groupage generalmente viene proposta a chi non ha particolare esigenze e che non è vincolato da scadenze e date precise.
Il cliente che decide di optare per questa soluzione, risparmia sulle spese del trasporto che vengono divise tra più clienti. Questa formula viene spesso utilizzata nei traslochi su lunghe tratte, siano esse internazionali o nazionali che prevedono eventuali spese aggiuntive come quelle autostradali o del traghetto.
Bisogna poi valutare le operazioni di carico e scarico della mobilia, considerando i piani delle abitazioni, il numero degli imballaggi e se necessario, l’uso di una piattaforma esterna per i componenti d’arredo che non si possono smontare o che sono troppo grandi per essere trasportati per le scale.
Una volta giunte a destinazione, le partite di arredo vengono smistate e il cliente paga in base a quello che è il volume dei propri mobili, quindi una proporzione rispetto a quelle che sono state le spese complessive del trasloco stesso.

 

Un’altra modalità di trasloco conveniente per il cliente è la tipologia “in abbinamento” che avviene quando l’azienda di traslochi parte con un carico completo e una volta giunto a destinazione, ne carica un altro con la destinazione della località di partenza del primo.
Ovviamene ad influire sul prezzo del trasloco al di là della modalità e tipologia, sono anche altri fattori come ad esempio il tipo di imballaggi utilizzati, quella inerente allo smontaggio e rimontaggio della mobilia che varia a seconda della grandezza dei componenti d’arredo.

 

Un altro aspetto da non sottovalutare, nel caso in cui si volesse davvero risparmiare, è scegliere il periodo in cui effettuarlo: i mesi primaverili ed estivi sono quelli prediletti dal pubblico, ma generalmente il periodo invernale potrebbe essere quello più economico.

 

E non solo il mese influisce sulle offerte, ma anche il giorno settimanale stabilito, di solito quelli feriali, in particolar modo quelli centrali della settimana consentono di ottenere maggiori sconti.
Ovviamente il tutto va pianificato con largo anticipo, anche di qualche settimana, bisognerà contattare le aziende che offrono il servizio e comparare le varie proposte e valutare quale tra esse più soddisfa le proprie esigenze.
Vi lasciamo con due link utili:
Preventivo trasloco.
Consigli sul trasloco.

 
 



Scrivi il tuo commento
Potrebbero interessarti anche...