Recuperare dati cancellati per errore da Mac, Windows o Android

easeus recupero dati persi

 

 

Ve la ricordate la scena del film di Aldo, Giovanni e Giacomo in Così è la vita quando Giovanni assiste immutolito alla vista delle righe sulla portiera dell’auto senza proferire parola per almeno due minuti?
Una scena indimenticabile; purtroppo nella vita succedono queste “disgrazie” che ti rovinano in un attimo quello che hai sempre tenuto con cura. Per alcuni la macchina, per altri il computer o la macchina fotografica. Sì, perchè la riga di una chiave sulla macchina è verosimilmente paragonabile a quel clic di troppo che ti ha cancellato, definitivamente e in un secondo, migliaia di foto o documenti importanti sul pc.
Rimani a guardare attonito il cestino del desktop vuoto, o nel caso della fotocamera, provi a estrarre e rimettere la micro-sd; ma a poco serve, il danno è stato fatto. Attimi di panico e una vocina che risuona nella mente: “Ho cancellato tutto!”.

Sta di fatto che se il detto che dice “ad ogni problema c’è una soluzione” bisogna crederci e trovare quella giusta nel più breve tempo possibile. Quello che si fa, oltre a chiedere aiuto ad una persona che di informatica e tecnologia è più esperta, è quello di affidarsi a Google per una rimedio istantaneo. E qui la chiave di ricerca da effettuare è una sola: “Data recovery software“, ovvero i software per recupero dati.
E’ corretto parlarne in questo sito perchè qui il risparmio è davvero notevole, se si considera che un recupero delle informazioni perse potrebbe far risparmiare un sacco di tempo e forse anche del denaro.

Ma veniamo alla soluzione.

 

EaseUS – recupero dati per Mac, Android e Windows

easeus recupero dati
 

Di programmi per il recupero dati cancellati ne esistono centinaia ma trovarne uno compatibile con più sistemi, multilingua e gratis nella versione basic è davvero difficile. Il Data Recovery Wizard di EaseUS risponde a tutte queste caratteristiche per cui può essere utilizzato sia nel caso di perdita di dati su Windows, sia su Mac, sia sui sistemi Android dei telefonini quando sono stati cancellati sulla sim i contatti della rubrica, i video, i messaggi o le foto che avevamo condiviso con gli amici. Di solito succede accidentalmente o magari perchè il figlio prende in mano lo smartphone del genitore e cancella in un attimo email o foto importanti.

Il pericolo può avvenire anche quando si decide di fare una partizione del disco fisso e durante la configurazione non si era fatto un adeguato backup dei dati.

Tutto ciò che occorre fare è andare sul sito e fare il download del software. Con la versione “free” si possono recuperare fino a 2 GB di dati. In caso di superamento, meglio optare per le versioni Free Trial che hanno un tempo limitato ma offrono il recupero dei dati senza limite di capienza.

Per chi avesse ancora qualche dubbio, sono indicate nella pagina di recupero dati Windows 7 tipologie di problemi che il software è in grado di risolvere:

– dati persi perchè cancellati erroneamente
– disco o SD Card formattata
– danneggiamento improvviso dell’hard disk
– un malware ha infettato il sistema rendendo inaccessibili alcune cartelle o files
– il sistema operativo è andato in crash
– suddividendo il disco in due partizioni si sono persi i dati
– perdita di dati per via di una conversione Raw in NTFS

 
Questi problemi sono sempre più frequenti anche nelle chiavette USB, quando si utilizzano con troppa leggerezza; non si effettua mai un backup, si estraggono dal pc in maniera scorretta, cadono dalla scrivania e si rovinano col tempo.

Il software una volta installato è in grado di fare la scansione del disco ed accedere anche ai files nascosti recuperando automaticamente quanto cancellato. Nonostante il sito del produttore sia in inglese, una volta lanciato il programma per l’installazione sarà possibile selezionare la lingua in Italiano.

Le recensioni parlano chiaro: commenti positivi e dati recuperati. Un “salva vita” da tenere tra i preferiti per risolvere spiacevoli scocciature.

 

Ti potrebbero interessare:

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus


Scrivi il tuo commento