Fare la pizza in casa: impasto, cottura e forno migliore

 



 

La pizza è il cavallo di battaglia della gastronomia del nostro paese, nota in tutto il mondo, ma non è da tutti conoscere i segreti per una perfetta preparazione dell’impasto.

Con queste semplici dritte anche voi a casa, con un forno elettrico e non professionale, potrete dare vita a una pizza davvero buona!

 
Come fare l’impasto – i segreti

Il primo passo per evitare errori è saper calcolare le temperature delle componenti, in particolare quella dell’acqua utilizzata per l’impasto. Ottimale è una temperatura di circa 26 °C (da controllare con un economico termometro per alimenti). Tramite la lavorazione, l’impasto finirà per avere una temperatura di circa 24 °C, perfetta per mettere in moto i processi chimici.

Un altro elemento da considerare con attenzione è la tipologia di farina. Può andare bene sia la 00 che la 0, ma la farina di tipo 1 risuta più adatta. Si tratta di una farina meno raffinata, alla quale non vengono tolte, tramite il processo di raffinazione, le parti che donano maggior sapore come la crusca e nel germe.

Per un chilogrammo di questa farina, la quantità di acqua ideale da usare è di circa 600 g, perché per una pizza rotonda da pizzeria l’assorbimento tipico è del 60%. Va usata più acqua nel caso si voglia preparare un impasto per teglia.

Alla farina va setacciato il sale, circa 30 g su 1 kg. Il tutto va poi impastato con l’acqua, a mano o con l’impastatrice.

Dopo pochi istanti, quando l’impasto risulta ancora piuttosto grezzo, è consigliabile lasciarlo riposare un pò per mettere in moto il processo di autolisi, grazie al quale l’impasto risulterà più estensibile.

In seguito l’impasto va lavorato nuovamente con l’aggiunta di olio (rigorosamente extravergine) per una quantità uguale al sale. Gli ultimi minuti di impastamento vanno fatti preferibilmente a mano.

Un altro elemento importante è il lievito. Molte ricette consigliano, erroneamente, di aggiungere un cubetto intero per facilitare il processo di lievitazione.

In realtà si tratta di una lievitazione solo apparente, troppo rapida per poter davvero completare il processo di maturazione dell’impasto, rischiando di avere un prodotto finale non digeribile.

La quantità esatta è solo una punta del cubetto intero, che va aggiunta all’impasto e poi amalgamata fino a ottenere un prodotto omogeneo, che andrà bagnato per evitare che si secchi in superficie

Dall’impasto intero si possono ricavare dei panetti di 230/240 g l’uno, che verranno poi impastati di nuovo, ripiegandone i lembi verso il centro per eliminare l’aria.
Ogni panetto va fatto riposare in frigorifero a una temperatura di circa 6/8 °C, per circa 24 ore.

 
Cottura con forno di casa

Per cuocere comodamente e rapidamente una pizza rotonda nel proprio forno elettrico, e ottenere un risultato vicino a quello di una pizza fatta in pizzeria, esiste un procedimento molto efficace che unisce due diversi metodi di cottura: in padella e al forno.

– Con il forno di casa
Prima di stendere e farcire la pizza è necessario preriscaldare il forno, in modalità grill e con la porta socchiusa, e la padella, fino a una temperatura di 300 °C circa.

Una volta lievitato il panetto di impasto precedentemente lavorato, è necessario stenderlo in un disco sottile, che andrà a formare la base della pizza. Questo va posato sulla padella e farcito con salsa di pomodoro e mozzarella (meglio se secca), o con ingredienti a piacere. Tre o quattro minuti bastano per questa prima fase di cottura.

In seguito la padella va inserita nel forno, con la porta aperta per evitare che il manico si fonda, e tenuta accanto alla resistenza per ottenere una cottura veloce ed efficace.

Sono sufficienti altre tre o quattro minuti (durante i quali è consigliabile girare la pizza per farla cuocere uniformemente) per ottenere un risultato finale morbido, non secco e davvero delizioso. Una vera pizza napoletana!

 
Forno pizza per casa

Un accessorio per chi ama la pizza e vuole prepararla direttamente in casa è sicuramente il forno elettrico G3 Ferrari Pizza Express Delizia; è speciale per la pizza grazie alla potenza di 1200 W, di un termostato regolabile fino a 390° C e di un timer di 5 minuti con un segnale acustico.

 

Il Fornetto G3 Ferrari G10006 è ideale anche per piadine, torte dolci e salate, castagne e schiacciate.

Realizzato con un piano di cottura in pietra resistente al calore , sfrutta al meglio la sua peculiare caratteristica di distribuire il calore in modo uniforme, trattenendo l’umidità della piastra durante la cottura. Così si sfornano pizze profumate e croccanti nella propria casa con la stessa pietra e gli stessi risultati dei forni tradizionali a legna delle pizzerie.

 

Piace per la sua velocità: ci vogliono pochissimi minuti per cuocere la pizza con un risultato molto simile a quello della pizzeria sotto casa: morbida ma croccante. Piace ancor di più per il suo prezzo, che online scende del 30% con spedizione gratuita a casa.

E’ considerato il miglior forno per pizza sul mercato perchè, a differenza di altri, è in grado di raggiungere una temperatura di 400 gradi, impossibile con un forno classico.

Si cuoce bene la pasta senza asciugare il condimento. Con questo forno si sforna la classica pizza napoletana, o se si preferisce più cotta e dai bordi secchi, basta modificare l’impasto e cuocerla un minuto in più. La cottura è circolare e uniforme.

Sembrerà di avere un forno a legna in casa! Può essere utilizzato sia per sia per la pizza surgelata che per quella preparata al momento.

Questo forno fa il 50% del lavoro totale, come lo farebbe un forno a legno. Il restante 50% si ottiene grazie alla bravura del “pizzaiolo” che è in grado di preparare un impasto perfetto.

Si consiglia di mettere poco pomodoro (massimo 2/3 cucchiai al centro) e filtrare bene la mozzarella in modo che perda acqua e non si sporchi la piastra. In ogni caso il ricettario per la pizza è compreso nella confezione.

Se siete indecisi sull’acquisto, il consiglio è di guardare questo video per rendersi conto del risultato ottenuto. Più in basso una serie di forni per la pizza messi a confronto a livello di prezzo con il G3 Ferrari Delizia.

 
Dalle parole ai fatti: tempi di cottura rapidissimi

 

 
 
Fornetto pizza – Le valide alternative:

 
Forno per pizza Caliente di Spice

 
forno elettrico per fare la pizza
 

Il design generale, a primo impatto, ricorda l’enfasi che la pizza trasmette. Di un bel rosso vivace ed ergonomicamente comodo nella presa e nello spostamento. Altre sì è capace di una bella presenza sbarazzina se si decide di lasciarlo posizionato fisso sul piano di lavoro.

Tecnologia pensata per la pizza e la sua cottura. Infatti è predisposto con area in pietra per la cottura di capacità refrattaria. Il suo diametro è di 33 centimetri, il che consente la realizzazione di una pizza di buone dimensioni. E dalla qualità pari a quella fatta dalla pizzeria. Il tempo totale che impiega per la cottura ottimale della pasta è di soli cinque minuti.

Ciò che lo rende davvero performante è che la sua capacità è ampliabile anche a cotture diverse dalla pizza. Infatti è perfetta per realizzare torte salate, per esempio.

Addirittura è utilizzabile per cuocere carne. Tostare pane e…castagne! Solo un suggerimento, in questo caso: in questo impiego differente di cottura è saggio posare sulla pietra una teglia di alluminio per preservare la pietra da usura e sporcizia che potrebbero incidere sulla capacità di durata del forno.

Ha una forza elettrica di 1200w, particolare che rende la cottura della pasta della pizza fragrante, facendo evaporare in maniera graduale l’acqua in eccesso.

In generale, il forno è di buona qualità e tiene testa ad altri forni della stessa categoria perché la presenza di alluminio (quindi forza di durata nel tempo) è maggiore nonché la resistenza è leggermente superiore alle misure tradizionali.

 
 
Ultratec Pizzarette Classic XXL

 

 

Forno per pizza arrivato recentemente sul mercato. La sua struttura esterna è molto piacevole perché modellata come un forno a legna tradizionale.

Tecnologicamente corrisponde alle esigenze domestiche con la sistemazione integrata di controllo della temperatura interna. Questo consente di ottenere in breve tempo la temperatura interna ottimale, con un incidenza positiva di risparmio sul consumo elettrico. La cupola che lo chiude è realizzata artigianalmente, con elemento di terracotta.

Mentre la piastra bassa è in metallo che con la tecnologia a doppio binario distribuisce bene la cottura. Anche durante l’uso attivo è comodo. Infatti non disperde nè fumo nè odori fastidiosi.

Strutturato per permettere la preparazione di pizze del diametro tradizionale di 26 centimetri. Seppur internamente il forno è più spazioso, inserire una pizza più grande risulta difficoltoso per via dell’ingresso stretto. Ma, non è un difetto questo. Anzi: questo dettaglio, che ricorda il reale forno dei pizzaioli, fa si che l’aerazione del calore circoli correttamente: la cottura oltre che omogenea è così fragrante grazie alla dissolvenza della naturale umidità della pasta.

Si può cucinare anche senza il coperchio di terracotta. Ma si andrebbe a perdere l’accento che lo rende ottimale.

Al momento dell’acquisto è dotato di libretto di istruzioni in tedesco, pale per pizza nonché fondo di legno. Un forno che mette assieme tradizione e tecnologia in modo ottimale.

 
 



Scrivi il tuo commento
Potrebbero interessarti anche...