Jeff Bezos, il super ricco: come ha fatto?

jeff bezos



 

 

Jeff Bezos è l’uomo più ricco del mondo, con un patrimonio di 131 miliardi di dollari, che nel 2018 gli è valso il primo posto della classifica Forbes.

La sua fortuna gli ha permesso di superare quella dell’invertitore Warren Buffet e del fondatore della Microsoft Bill Gates.

Jeff Bezos è il fondatore ed amministratore della nota piattaforma Amazon, il colosso leader del settore e-commerce a livello globale. Se si pensa che negli Stati Uniti il sito ha registrato nel 2017 il 4% delle vendite al dettaglio ed il 44% di quelle on-line, non sorprende l’origine della fortuna del suo fondatore.

La rivoluzione del commercio e la sua digitalizzazione ha comportato anche l’accesso di Amazon a molti servizi, che nel prossimo futuro produrranno ancora ingenti ricavi.

Jeff Bezos ha sicuramente una mente creativa, è un innovatore, un visionario che è stato in grado di carpire le potenzialità del web. Le sue capacità di ingegnere informatico legate all’inventiva e alle sue capacità finanziarie (potrebbe tranquillamente essere un professore di economia finanziaria ) lo hanno spinto a diventare quello che oggi è.

Cresciuto con sua madre, che lo ha avuto da adolescente, ed il suo patrigno di origine cubana che cercarono di dissuaderlo come altri familiari ed amici dal lasciare il suo lavoro nella finanza per portare avanti il suo sogno: creare un negozio on-line adatto a tutti e che vendesse tutto.

Laureatosi presso la Princeton University con una specializzazione in informatica ed ingegneria elettronica, rifiutò importanti offerte di lavoro dalla Intel e dalla Bell Labs per iniziare la sua carriera in una piccola start up chiamata Fitel.

Al contempo lanciò una società di servizi di informazione via fax chiamata Halsey Minor, che fallì e gli permise di approdare nella società di gestione DE Shaw & Co, che lo incoronò il più giovane vice presidente di una Hedge Fund in soli 4 anni.

Bezos avrebbe potuto continuare la sua carriera a Wall Street, ma rimase affascinato dell’incremento che stava vivendo internet nel 1994, con una crescita del 2300%. In questo clima favorevole creò Amazon, stilando la prima lista con 20 categorie di prodotti da vendere.

Amazon nacque come una piattaforma per vendere libri ed ebbe come prima sede il garage di Bezos, provvisto di una stufa e poco più. Il suo creatore investì 10 mila dollari insieme a sua moglie e a due programmatori, riunendosi presso la sede di Barnes & Nobles.

Nel 1995 vendeva già in tutti gli Stati Uniti e in altri 45 Paesi, dopo solo un mese dal lancio.
La strategia di Bezos lo condusse nel primo anno a raccogliere i fondi necessari per raggiungere un fatturato di 74 milioni di dollari entro il 2000, obiettivo che non solo raggiunse, ma superò di molto riuscendo ad ottenere una cifra che si aggirava intorno ai 1,6 miliardi di dollari.

Il primo milione di dollari gli arrivò sia dai suoi genitori che investirono una buona parte dei loro risparmi, sia da investitori privati che diedero a Bezos circa $ 50.000 ciascuno per una quota inferiore all’1%. In prospettiva questa cifra comportò un ritorno di 6 miliardi di dollari.

L’anno successivo Amazon raccolse altri 8 milioni di dollari grazie a varie società, sopratutto venture capital.

Nonostante la crisi economica del 1997, la start up continuò ad incassare successi, diversificando l’offerta dei prodotti e divenendo da subito il leader del commercio e-commerce con una crescita delle vendite annuali che passò da 510.000 dollari nel 1995 a oltre 17 miliardi nel 2001.

Nel 2013 vennero annunciati i piani per il rivoluzionario business in abbonamento Amazon Prime e vari progetti tra cui quelli di consegnare i prodotti ai clienti tramite droni.

Nell’agosto 2013, Bezos ha acquistato il Washington Post per $ 250 milioni, facendolo diventare il giornale d’America più letto.

Dalla sua creazione le azioni di Amazon hanno registrato un rendimento di oltre il 523% e negli ultimi 5 anni è aumentato del 67,7%.

Bezos detiene circa il 16,3% della società, poiché ha venduto 1 milione di azioni della sua società per $ 1,1 miliardi.

Ogni anno il magnate investe 1 miliardo di dollari nella sua società di esplorazione spaziale Blue Origin, che nel 2016 è diventata una delle prime società commerciali a lanciare un missile riutilizzabile, e che nel 2018 ha inviato la navicella spaziale “New Shepard” in ordine di alta quota per testare i suoi sistemi di sicurezza.

Nel 2018 Amazon ha registrato vendite nette per 52,9 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2018!

 
Tre frasi celebri di Jeff Bezos

Se raddoppi il numero degli esperimenti che fai in un anno finirai per raddoppiare la tua inventiva

La vita è troppo breve per uscire con persone che non sono intraprendenti

La domanda più comune nel business è “Perchè?”. Una bella domanda, ma sarebbe ugualmente valido chiedersi “Perchè no?”

 
 



Scrivi il tuo commento
Potrebbero interessarti anche...