Il metodo migliore per studiare velocemente

Non esiste una formula valida per tutti per assorbire informazioni specifiche o ricordare date o fatti, poiché ogni studente ha un processo diverso e utilizza la strategia più adatta alle sue esigenze. Tuttavia, esistono metodi di ricerca che ottimizzano i tempi di revisione e forniscono risorse e consigli per affrontare con successo qualsiasi argomento.
Lo scopo principale delle abilità di studio è aiutare gli studenti ad acquisire maggiore concentrazione durante lo studio.

Allo stesso tempo, la tecnologia è progettata per migliorare la capacità di trattenere le informazioni e la motivazione per continuare ad apprendere. Pertanto, è altamente raccomandato indipendentemente dall’area di ricerca dell’utente.

Idealmente, preparati sempre per la lezione in anticipo e non lasciare lo studio l’ultimo giorno, perché così il tuo cervello sarà più stanco e non sarai in grado di dare il 100% di sforzo durante l’esame. Ognuno di noi ha abilità e abilità diverse quando si tratta di imparare.

Ma diamo un’occhiata a quelli che sicuramente ti aiuteranno ad imparare velocemente.

La tecnica del Pomodoro

Implica la divisione del tempo di studio in periodi di 25 minuti chiamati Pomodori.

Regole della Tecnica del Pomodoro:
Questi saranno separati da intervalli di riposo, che avranno anche durate predeterminate che aumenteranno dopo ogni Pomodoro.
Dopo il primo periodo di studio, puoi fare una pausa di cinque minuti. Dopodiché, devi continuare a studiare fino a completare il secondo Pomodoro, che include una pausa di 10 minuti.
In questo modo, la terza pausa durerà 15 minuti. Tuttavia, alla quarta pausa, è consigliabile partire e impegnarsi in qualsiasi breve attività per liberare la mente. Dopodiché, è ricominciato.
Come puoi vedere, la Tecnica del Pomodoro è molto semplice, perché per realizzarla bastano una sveglia e la volontà di rispettare gli intervalli, sia che si tratti di studiare che di fare delle pause.

Metodo Cornell

A differenza del solito prendere appunti di ogni parola dell’insegnante, questa tecnica aiuta a riassumere gli aspetti più importanti della lezione e organizzare e interpretare gli appunti. Inoltre, è più facile ed efficace concentrarsi durante la lezione perché migliora la concentrazione, l’ascolto e l’analisi delle informazioni.

Per fare ciò, la prima cosa da fare è dividere il volantino in quattro sezioni distinte: titolo, concetti chiave, volantino e abstract. L’idea è che, sotto l’intestazione, il foglio di lavoro sia diviso in due colonne, con il lato sinistro che rappresenta l’area “Concetti chiave” e il lato destro che rappresenta l’area “Note della lezione”. In questo modo, scarica le note a destra, quindi estrai l’idea principale a sinistra, prestando attenzione alle questioni correlate. Dopo aver esaminato i tuoi appunti, è il momento di scrivere un breve riassunto che riassuma il contenuto con parole tue.

La semplice e mai banale Lista
Quando si studia, è molto importante rimanere organizzati. Questi elenchi includono l’ordinamento di cosa controllare in base alle priorità degli studenti.

In questo modo potrai definire l’ordine in cui vuoi studiare gli argomenti e seguire un ordine più ordinato e meno stressante.

Il metodo dei loci
Questo è un metodo per migliorare la memoria e si basa sulla creazione mentale di uno spazio (che può essere un edificio o un appartamento) con più stanze per contenere le informazioni da ricordare. Per questo, i concetti chiave sono associati a immagini o oggetti che sono strategicamente archiviati in queste stanze. Si tratta di un’antichissima regola mnemonica volta a dettagliare itinerari familiari in un ordine preciso in modo da ricordare in maniera chiara e ordinata le diverse idee inserite al loro interno. In questo modo il “percorso” sarà ricco di emozioni e associazioni, ricco di immagini che ricordano una realtà comune. Ad esempio, è molto utile per memorizzare i discorsi. Federica Trombetta, coach professionista ed esperta di programmazione neurolinguistica (PNL), spiega in questo articolo come applicarla agli studenti.

Il metodo delle flash card
Le schede flash sono schede che consentono agli studenti di conservare in modo creativo più informazioni. Scegli un argomento da Argomenti e annota i concetti di base relativi al programma. Scrivi una domanda su una scheda e una parola chiave, un’immagine o un’icona che suggerisce una risposta sull’altra.

Studiare velocemente è davvero sempre possibile?
È possibile quando si studia per un esame a risposta multipla, ma non è facile se l’esame copre più di sei argomenti per intero, o se non si conosce l’argomento in modo approfondito. Ricorda, per ottenere nuovi voti per questi esami, si consiglia di dedicare almeno 3 ore di studio al giorno. Fai 10-15 minuti di pausa ogni ora per consentire al tuo cervello di accumulare ed elaborare informazioni.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.