Pastiglie lavastoviglie fatte in casa

pastiglie lavastoviglie fai da te

 




 

Le pastiglie per la lavastoviglie sono spesso molto costose, e piene di ingredienti chimici potenzialmente inquinanti. È però possibile farle in casa, risparmiando moltissimo e utilizzando solo ingredienti naturali. Ci sono due possibili ricette per fare in casa le pastiglie per la lavastoviglie.

 

Pastiglie lavastoviglie fai da te

 

Prima ricetta

Per la prima ricetta sono necessari i seguenti ingredienti:

  • 150 g di bicarbonato di sodio
  • 15-20 g di acqua distillata (si trova in qualsiasi negozio di detersivi)
  • 1 cucchiaio di sapone di Marsiglia liquido (che può essere realizzato anche a partire da una saponetta)
  • 15 gocce di olio essenziale di limone o arancio

 
Il procedimento è molto semplice: bisogna mettere in un recipiente il bicarbonato, e aggiungere il sapone liquido e l’olio essenziale. A questo punto, bisognerà iniziare a mescolare bene aggiungendo pian pianino l’acqua fino a ottenere un composto omogeneo e cremoso. Attenzione a non esagerare con l’acqua: potrebbe servirne un pò di più oppure un pò di meno, ed in ogni caso bisogna regolarsi in base alla consistenza del composto.

Una volta ottenuta una crema omogenea bisognerà prendere uno stampino in silicone, ad esempio quello del ghiaccio, e riempirlo con il composto. Tenete presente che le pastiglie fatte in casa non hanno lo stesso potere lavante di quelle acquistate, quindi dovranno essere un pò più grandi di quelle commerciali. Nel caso in cui siano troppo grandi per la vaschetta della lavastoviglie, potrete comunque utilizzarle mettendole nel cestello insieme alle stoviglie sporche. Dopo aver riempito le formine, le nostre pastiglie dovranno essere lasciate ad asciugare finché non saranno diventate completamente solide e non sarà possibile rimuoverle facilmente dallo stampino. Potranno essere conservate a temperatura ambiente per qualche mese, mentre l’uso sarà assolutamente analogo a quello delle pastiglie per la lavastoviglie acquistabili in negozio.

 

Seconda ricetta

La seconda ricetta prevede invece i seguenti ingredienti:

  • 100 g di sapone di Marsiglia solido
  • 100 g di bicarbonato di sodio
  • 100 g di soda da bucato (si trova nei negozi di detersivi; attenzione, non si tratta della soda caustica)
  • 15 gocce di olio essenziale di limone e dell’acqua

 

Sarà inoltre necessario l’utilizzo di un tritatutto. Per prima cosa è necessario assicurarsi di avere acquistato del vero sapone di Marsiglia, e non un sapone al profumo di Marsiglia; quello originale si riconoscerà per il colorito giallino e il profumo tipico, dato dal fatto che viene prodotto esclusivamente con olio d’oliva, mentre le imitazioni spesso sono prodotte utilizzando grassi di qualità inferiore come l’olio di cocco o di palma. Volendo, è anche possibile auto-produrre il sapone di Marsiglia utilizzando olio d’oliva e soda caustica.



Il primo passo consisterà nel tritare finemente il sapone di Marsiglia con il tritatutto. In mancanza del tritatutto è possibile anche grattugiarlo a mano, l’importante è che il risultato sia il più possibile fine. Aggiungiamo poi il bicarbonato di sodio, la soda da bucato e l’olio essenziale, e iniziamo a mescolare. Aggiungiamo poi acqua quanto basta per ottenere un composto molto denso, e disponiamolo negli stampini in silicone. Anche in questo caso sarà necessario aspettare che le pastiglie si solidifichino, per poi conservarle in un barattolo di vetro; se utilizzerete delle formine di forme e misure diverse, potrete utilizzare quelle più piccole quando la lavastoviglie lavora a mezzo carico e quelle più grandi quando è completamente piena.

 

Puliscono in maniera efficace i piatti e le stoviglie?

Uno dei problemi che spesso si riscontrano con queste pastiglie deriva dal fatto che le stoviglie spesso non vengono pulite e splendenti come utilizzando le pastiglie commerciali; ciò deriva dal fatto che la maggior parte delle pastiglie attualmente in commercio sono in realtà 3 in 1, e contengono quindi già sia il sale che il brillantante.

Per ottenere un risultato migliore con queste pastiglie, dunque, è importante abbinare anche il giusto brillantante. Per fortuna, farlo in casa è semplicissimo: basta mescolare, in una bottiglia di vetro, 200 g di acido citrico in 800 g di acqua distillata. L’acido citrico può essere acquistato online, in farmacia oppure in una ferramenta.

 

Consigli utili

Un altro accorgimento da adottare è quello di non mettere in lavatrice stoviglie particolarmente sporche o incrostate: sciacquatele sotto l’acqua per eliminare i residui di cibo, e nel caso questi siano particolarmente tenaci mettete le stoviglie in ammollo per cercare di ammorbidirli. Ad esempio, potete utilizzare l’acqua di cottura della pasta, versata ancora calda sulle stoviglie incrostate, per provare a sciogliere lo sporco. Ricordate inoltre di non lasciare le stoviglie sporche in lavastoviglie per troppo tempo, in modo da evitare che si incrostino.

La combinazione delle pastiglie fatte in casa e del brillantante vi permetterà di ottenere delle stoviglie perfettamente pulite e brillanti, proteggendo sia l’ambiente che il vostro portafogli e risparmiando tempo sulla pulizia della cucina. Vedrete che non tornerete mai più alle pastiglie acquistate al supermercato.

 
pastiglie lavastoviglie prezzo
 

Potrebbero interessarti anche...
Scrivi il tuo commento